Stefano Giacomelli

Stefano Giacomelli
Stefano Giacomelli – Clarinetto Basso

Giacomelli Stefano nasce a Leno il 25 Agosto 1982. Inizia gli studi musicali presso la Scuola di Musica interna al Corpo Musicale Lenese “Vincenzo Capirola” di Leno (BS) studiando clarinetto e clarinetto basso con il M° Giuliano Mariotti.
Consegue il diploma di Clarinetto presso il Conservatorio Statale di Musica “Arrigo Pedrollo” di Vicenza. Nel frattempo, approfondisce lo studio del Clarinetto Basso con il M° Paolo De Gaspari, partecipando a stage organizzati dall’Accademia Internazione “Joseph Horack” e frequentando i corsi organizzati dal Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza.
Segue corsi di perfezionamento con il M° Alessandro Travaglini, i corsi estivi organizzati dall’Orchestra Abruzzo Musica e corsi d’improvvisazione con il jazzista Javier Girotto; inoltre ha partecipato come uditore ad un corso con il clarinettista Wenzel Fuchs (Berliner Philharmoniker).

Ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica ”Domenico Scarlatti” di Milano e con l’Orchestra Sinfonica “Gian Andrea Gavazzeni” di Bergamo nella realizzazione di opere liriche.
Dal 2013 collabora con il Teatro Grande di Brescia per le stagioni liriche in cartellone; tra queste si segnala “Brimborium!” opera di Mauro Montalbetti, nel 2003 con l’ensemble Aura sotto la direzione del M° Carlo Boccadoro e nel 2015 con la direzione del M° Roberto Misto.
Nel 2016 e 2017, collabora con l’Orchestra Sinfonica del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo (clarinetto e clarinetto basso), suonando sotto la direzione di Umberto Benedetti Michelangeli e Pier Carlo Orizio e i pianisti solisti David Fray e Federico Colli.

Collabora come strumentista esterno con formazioni bandistiche bresciane e con alcune tra le più conosciute orchestre a fiato come l’Orchestra Fiati della Valle Camonica, L’Orchestra di Fiati della Valtellina, la “Giovanile Orchestra Fiati” di Ripatransone (AP); con queste si è esibito in Italia e all’estero per concerti e concorsi nazionali e internazionali.
Ha suonato e accompagnato artisti quali il pianista M. Motterle, il Corrado Guarino Jazz Quartet, il trombettista A. Tofanelli, l’attore D. Riondino, il clarinettista sloveno M. Bekavac, il solista Steven Mead, il trombettista Ronald Romm, il trombettista Giuliano Sommerhalder e suonato sotto la direzione dei maestri Douglas Bostock, Ronald Johnson, Fulvio Creux, Robert Sheldon, Carl Wittrock, Josè Vilaplana e Hardy Mertens.
Ha partecipato ai corsi di Didattica Musicale tenuti dal M° Bruce Pearson, autore americano dei metodi Standard of Excellence per l’apprendimento della musica.

Studia Tecnica della Direzione per Organici a Fiato con il M° Denis Salvini, partecipando ai corsi organizzati dal Centro di Formazione Bandistico Bresciano. Partecipa a stage e corsi con i maestri Manuel Mondejar Criado, Franco Cesarini, Ronald Johson, Felix Hauswirth, Lorenzo Della Fonte e Josè Rafael Pasqual Vilaplana.
Nel 2012 ha diretto la “Giovanile Orchestra Fiati” di Ripatransone (AP) e nel 2016, durante la tourneé italiana, la Northen Iowa Wind Symphony (USA) in una masterclass con i relativi docenti.
Nell’estate 2015 ha partecipato ai corsi di direzione orchestrale tenuti dal maestro Roberto Rizzi Brignoli, conosciuto ed apprezzato direttore d’orchestra sinfonica all’estero, dove è stato selezionato per dirigere l’orchestra sinfonica nel concerto conclusivo. Nel Marzo 2017 è invitato a partecipare al “Midwest International Conducting Symposium” presso la University of Northern Iowa in Cedar Fall (Iowa-USA) per una settimana di seminari studio con la Wind Symphony, Symphonic Band, Symphony Orchestra, con i relativi docenti: Ronald Johnson, Danny Galyen, Rebecca Burkhardt. Nel Febbraio 2018 è ospite presso il Conservatorio di Moncada (Spagna) dal maestro Jose Alcacer Dura per tre giorni studio con le formazioni del conservatorio e con la Banda di Naquera (Valencia).

Dal 2013 è Direttore Artistico del Corpo Musicale Lenese “Vincenzo Capirola” di Leno (BS) e Direttore della Banda Giovanile “Luca Colosio” con la quale ha vinto, nel marzo 2015, il primo premio in categoria B al concorso nazionale “12 Giovani in Concorso” a Costavolpino (BG). Dal mese di Ottobre 2015, è direttore della Junior Band del Corpo Bandistico “Luigi Pezzana” di Rovato (BS), con la quale ottiene il secondo posto, nel marzo 2017, al “13 Giovani in Concorso” in categoria B. Dal Novembre 2017 inoltre è direttore della Orchestra Fiati “Gasparo Bertolotti” di Salò (BS)

E’ membro del quartetto di fiati “Quadrophobia Wind Quartet”, formazione originale e unica nel panorama italiano, vista la sua formazione: clarinetto – clarinetto basso – fagotto – sax, nel ruolo di clarinetto basso. Con questa formazione affronta repertori classici, moderni, jazzistici e composizioni scritte appositamente per la formazione, avendo all’attivo numerosi concerti ed esibizioni in tutto il Nord Italia, tra cui per la Delegazione Italiana NATO in occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia e per l’International Day. Con il “Quadrophobia Wind Quartet”, nel 2012 pubblica il primo disco da studio dal titolo “In Quattro”.
Ha suonato per diversi progetti di registrazione di cd e video con bande musicali, orchestre, case editrici e gruppi musicali. Tra questi si segnalano registrazioni per la casa editrice Scomegna, la registrazione per il compositore milanese Guido Umberto Sacco, del brano WAM e il sopracitato “in Quattro” con il Quadrophobia Wind Quartet.
Si dedica, oltre alla musica classica, ad altri generi musicali come il rock e il blues, suonando per lo più il sassofono.

Eng.

Stefano Giacomelli graduates in Clarinet at the Conservatory of Music “Arrigo Pedrollo” of Vicenza. Meanwhile, he continued studying bass clarinet in workshops and masterclass organized by the Internations Academy of Bass Clarinet “J. Horack” and studying with the soloist Paolo De Gaspari.

He has participated in numerous master classes and courses that is specifically dedicated to orchestral repertoire, clarinet and bass clarinet soloist. He collaborates with several Symphony Orchestras and Wind Symphony of the Italian territory and opera houses such as the “Teatro Grande” in Brescia and the “Teatro Donizzetti” in Bergamo.

In parallel of the concert activity, he studied orchestral conducting both for the symphonic orchestra and for symphonic wind band, performing in many theaters to concert events and festivals.

His interest in all kind of music led him to having many formations and project, for concert and studio recording.